FANDOM


Goodbye Hooray
Artista Red Hot Chili Peppers
Featuring {{{featuring}}}
Tipo album Singolo
Pubblicazione 28 gennaio 2013
Durata 3:53
Album di provenienza I'm with You
Dischi 1
Tracce
Genere Alternative rock
Etichetta Warner Bros.
Edizioni {{{edizioni}}}
Produttore {{{produttore}}}
Arrangiamenti {{{arrangiamenti}}}
Regista {{{regista}}}
Registrazione {{{registrato}}}
Formati {{{formati}}}
Note {{{note}}}
Premi
Dischi d'oro {{{numero dischi d'oro}}}
Dischi di platino {{{numero dischi di platino}}}
Dischi di diamante {{{numero dischi di diamante}}}
Red Hot Chili Peppers - cronologia
Singolo precedente
Brendan's Death Song
Singolo successivo
{{{seconda discografia}}} - cronologia
Singolo precedente
Singolo successivo
{{{terza discografia}}} - cronologia
Singolo precedente
Singolo successivo
Si invita a seguire lo schema del Progetto Musica

Goodbye Hooray è una canzone dei Red Hot Chili Peppers, sesto singolo estratto dal loro decimo album in studio, I'm with You, 2011.

La canzoneModifica

StrutturaModifica

Il singolo è uscito in contemporanea mondiale il 28 gennaio 2013, anche se ha avuto uno scarsissimo successo a livello commerciale; in Italia il brano è stato trasmesso solamente sulle frequenze di Virgin Radio. Il pezzo ha un ritmo forte e sostenuto, essendo l' unica traccia del disco che rievoca il rock puro dei Red Hot dei vecchi tempi, con un intro aggressiva che prosegue per il resto della canzone. A dominare è la batteria, che nel mezzo della canzone lascia spazio a brevi coretti di sottofondo. L' outro è ancora più energetica, con un forte duello tra batteria e chitarra e con molti assoli di Josh Klinghoffer.

TestoModifica

Il testo potrebbe riguardare una specie di “consiglio” che Anthony Kiedis fornisce ai suoi ascoltatori in merito ai comportamenti da avere nei confronti delle ragazze. Il comportamento in questione non è esattamente quello da “bravo ragazzo”, ma bisogna cercare di suscitare reazioni di psicologia inversa (“Condurrò tutti i tuoi giochi mentali allo sbando”, dice il testo) : ciò significa, per esempio, che se una tizia desidera essere riempita di attenzioni, sentirsi al centro del mondo, il corteggiatore deve esserle quasi indifferente ..perché tanto “Le cose belle capitano a coloro che aspettano/Come una data di scadenza”, dunque non ha senso che gli spasimanti abbiano fretta. Perciò la canzone si chiude così: “Frena la tua lingua oh birichina/Perché non hai bandiere da sventolare/Risparmia il tuo respiro per il bianco e il nero/ Ogni cane avrà il suo giorno”…